Di seguito viene descritto come affrontare l'eventualità di uno dei seguenti scenari in Microsoft Office 365 per aziende.

  • Un amministratore di SharePoint Online elimina la raccolta siti radice utilizzando la pagina Gestisci raccolte siti dell'interfaccia di amministrazione di SharePoint Online. Ad esempio, l'amministratore di SharePoint Online elimina https://<nomedominio>.sharepoint.com, dove <nomedominio> è il nome del proprio dominio, quale ad esempio https://contoso.sharepoint.com/
  • L'amministratore di una raccolta siti elimina la raccolta siti radice (https://<nomedominio>.sharepoint.com) facendo clic su Elimina il sito nella pagina Impostazioni sito del sito Web radice della raccolta siti. 
  • Tutti i siti di contenuti i cui URL si trovano nella raccolta siti radice (<nomedominio>.sharepoint.com) scadono.

Eseguire le operazioni descritte di seguito per correggere l'URL interrotto.
 
Correzione di un URL interrotto presente in una raccolta siti radice di SharePoint
Come correggere un URL interrotto presente in una raccolta siti radice di SharePoint dopo che la raccolta siti radice è stata eliminata.

 

NOTA: le seguenti operazioni devono essere eseguite dall'amministratore di SharePoint Online.

  1. Accedere all'interfaccia di amministrazione di SharePoint Online, ad esempio https://<nomedominio>-admin.sharepoint.com, dove <nomedominio> è il nome del proprio dominio, quale ad esempio https://contoso-admin.sharepoint.com/.
  2. Fare clic su Gestisci raccolte siti.
  3. Verificare che la raccolta siti radice (https://<nomedominio>.sharepoint.com) non sia visualizzata nell'elenco delle raccolte siti.
  4. Nella barra multifunzione fare clic su Nuovo, quindi selezionare la raccolta siti privata.
  5. Compilare il modulo Crea raccolta siti, in cui sarà necessario specificare un proprietario della raccolta siti, un modello di sito, una quota di archiviazione e una quota di utilizzo delle risorse in modalità sandbox. È possibile utilizzare i seguenti valori predefiniti.
    • Proprietario raccolta siti: utilizzare l'alias dell'amministratore di SharePoint Online, che potrà essere modificato in un secondo momento.
    • Modello sito: utilizzare il modello di sito del team, che tuttavia non sarà possibile modificare senza eliminare la raccolta siti.
    • Quota di archiviazione: 100 MB. Questo valore potrà essere modificato in un secondo momento.
    • Quota di risorse: 0. Questo valore potrà essere modificato in un secondo momento.
  6. Attendere che la raccolta siti venga creata. L'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti.
  7. Una volta creata la raccolta siti radice, effettuarne il provisioning e quindi verificare l'accesso al sito visitando la pagina https://<nomedominio>.sharepoint.com.