Nessuno risponde a questa discussione da almeno un anno, pertanto queste informazioni potrebbero non essere aggiornate. Se stai cercando informazioni su questo argomento, cerca una discussione più recente o pubblica una nuova domanda.

Offline Global Address List

  • Buongiorno,

     

    qualche giorno fa ho creato un paio di cassette postali ti tipo sala. ho poi dovuto cancellarle e ripristinarle, e ora mi trovo con il problema che le cassette rimosse sono comunque visibili nella GAL dai client Outlook degli utenti, creando confusione.

    Da  pannello online sono presenti, giustamente, solo quelle attive. ho già contattato il supporto e mi è stato detto che nel giro di qualche giorno sarebbero dovute sparire le cassette rimosse (questioni di aggiornamento del client), ma ciò non è ancora avvenuto.

    Esiste un modo per forzare la rimozione degli elementi rimossi nella GAL? o per aggiornarla in maniera definitiva sui client?

     

    grazie e buona giornata,

    Stefano

  • Salve Stefano,
    Sono Tommaso Toniolo del Supporto Tecnico Microsoft Online Services

    La GAL viene aggiornata in tempo reale, per cui se controlla da OWA o da ECP dovrebbe vedere una situazione pulita.
    L'unica cosa che può generare confusuione, sui client Outlook, è l'OAB che viene generata su base giornaliera, solitamente di notte, e che viene poi scaricata dai client.

    La generazione dell'OAB non può essere forzata ma può forzare l'aggiornamento sul client; solitamente è sufficente chiduere e riaprire il client per far si che tale file si aggiorni. In alternativa quì è spiegato come procedere: http://support.microsoft.com/kb/831124.

    Alternativamente è possibile forzare il client per risolvere i nomi dalla GAL e non dall'OAB.

    Cordiali saluti.

  • Buongiorno Tommaso e grazie,

    il problema persiste su TUTTI i client: anche chiudendo e riaprendo, anche attendendo vari giorni, TUTTI i client vedono sempre la GAL con le sale 'spurie'.

    come posso dire al client di forzare la lettura dalla sola GAL?

    grazie e buona giornata,

    Stefano